SESSO DEBOLE?

Rotem
Si chiama Rotem, è sergente nell’esercito israeliano. Un mese fa al posto di blocco presso cui prestava servizio ha bloccato un attentatore suicida impedendogli di compiere l’attentato. Ieri, allo stesso checkpoint, ha bloccato un terrorista armato di coltello, impedendo ancora una volta una tragedia.
(Grazie a Ugo Volli che mi ha aiutata a trovare la parte di notizia che mi mancava)

barbara

AGGIORNAMENTO: ed è donna (e molto bella) anche questa
soldatessa isr
Grazie a Mirella

Annunci

ED IMBRACCIATA L’ARTIGLIERIA NON TI RICAMBIA LA CORTESIA

Tre soldati israeliani sono stati uccisi in un modo che finirà per rendere ancora più belluina la guerra. I tre avevano individuato uno dei molti tunnel costruiti sottoterra da Hamas per consentire ai suoi soldati di penetrare in Israele by-passandone i confini al fine di mettere a segno dei blitz mordi-e-fuggi contro i civili israeliani. Con le armi in pugno, i tre soldati di Gerusalemme hanno fatto uscire dal tunnel i soldati di Hamas che non sono stati abbattuti perché si presentavano con le mani alzate, come prigionieri. Senonché uno dei militari di Hamas, essendo un kamikaze, appena si è avvicinato ai soldati israeliani si è fatto esplodere provocando la morte anche dei tre militari con la stella di Davide. La conseguenza di questo gesto? È facile da prevedere, anche se non sarà mai ammessa. D’ora innanzi si faranno pochi prigionieri con i militari di Hamas. Colpa di Israele o colpa di Hamas? La legittima difesa è ammessa in tempo di pace, immaginiamoci in tempo di guerra. (qui)

E sarebbe davvero ora che Israele cominciasse a svegliarsi: la guerra si fa con le armi, non coi guanti bianchi! Loro lo sanno, decidetevi a impararlo anche voi.

barbara