SE QUESTO È UN GIUDICE

La vicenda, allucinante, credo sia ormai nota a tutti.

Islam e violenza: l’incredibile decisione del pm di Perugia

IL CASO Se un marito violento picchia la moglie, se la sequestra in casa, le impedisce di uscire anche per lavorare, la sottomette psicologicamente e arriva pure a privarla dei documenti d’identità, rischia una denuncia o il carcere. Se però quel marito è di fede musulmana, allora i reati passano in secondo piano: perché queste condotte rientrano “nel quadro culturale dei soggetti interessati”. A sostenere il principio non è un tribunale islamico, ma un magistrato italiano. Un pubblico ministero di Perugia: lo stesso che ha firmato la richiesta di archiviazione del fascicolo a carico di Abdelilah El Ghoufairi, 39 anni, marocchino e marito della connazionale Salsabila Mouhib, di 33 anni. Dopo anni di vessazioni subìte tra le mura domestiche la donna aveva trovato forza e coraggio di denunciare tutto alla polizia. Ma lunedì scorso il sostituto procuratore Franco Bettini ha firmato una richiesta di archiviazione al gip affermando che «il rapporto di coppia è stato influenzato da forti influenze religiose-culturali alla quale la donna non sembra avere la forza o la volontà di ribellarsi». [Quindi la denuncia nei confronti del marito con annessa fuga da casa non è da considerare una ribellione attestante il fatto che la moglie non era tanto d’accordo col comportamento del marito? Cioè, concretamente, che cosa avrebbe dovuto fare perché Sua Altezza Reale il Signor Giudice Franco Bettini vi configurasse una ribellione? Prenderlo a martellate in testa durante il sonno? Mettergli il veleno per i topi nella minestra? E in questo caso le avrebbe imputato ottomila aggravanti perché ribellarsi al marito è contrario alla loro cultura?]

LA MOTIVAZIONE Una decisione, quella del magistrato inquirente, che ora è destinata a far discutere. Soprattutto alla luce di un passaggio della richiesta di archiviazione stessa, nella quale si legge testualmente: «Le evidenze emerse a seguito delle attività d’indagine non consentono di ritenere configurabile o sostenibile in termini probatori il reato rubricato (maltrattamenti in famiglia, ndr). Dalle dichiarazioni rese, la donna non sarebbe mai stata minacciata di morte, [quindi se io minacciassi il giudice soltanto di fargli saltare tutti i denti non sarei imputabile, giusto?] né avrebbe subìto aggressioni fisiche tali da costringerla alle cure sanitarie». [Interessante criterio per valutare la gravità delle aggressioni fisiche] Poi, la considerazione finale: «La condotta di costringerla a tenere il velo integrale rientra, pur non condivisibile in ottica occidentale, nel quadro culturale dei soggetti interessati». [A me sembrerebbe che uno dei “soggetti interessati” non sia molto d’accordo con le elucubrazioni del Signor Giudice]

LE INDAGINI E dire che prima di arrivare a questa determinazione la vittima degli abusi psicologici e fisici aveva trovato il coraggio di ribellarsi a quel marito-padrone presentandosi al commissariato per denunciare presunte condotte illecite. Accuse ribadite anche a Napoli, dove Salsabila è fuggita trovando rifugio ed ospitalità presso una casa-famiglia, sempre alla Polizia di Stato. Dal suo racconto emerge l’inferno vissuto per oltre cinque anni da lei e dai due figli nella convivenza con il marito, quando vivevano a Tuoro sul Trasimeno, in Umbria. «Da quando siamo arrivati in Italia – ha dichiarato in una nuova denuncia presentata a Napoli, dove è assistita dall’avvocato Gennaro De Falco – oltre ad impormi il velo integrale, quando usciva mio marito mi chiudeva in casa portando con sé le chiavi. Potevo uscire solo se mi sentivo male, per andare in ospedale. Solo in un’occasione mi ha aggredito fisicamente, colpendomi al volto con uno schiaffo. Fu poche ore dopo aver partorito mia figlia, appena rientrata dall’ospedale: pretese alle 4,30 del mattino che gli preparassi la colazione; non lo feci e lui mi diede uno schiaffone, in seguito al quale io svenni».

LE VESSAZIONI Una vita impossibile. E nelle condotte denunciate dalla vittima ci sarebbero dunque anche altri reati: lesioni, violenza privata, sequestro di persona. «Lui non mi ha mai minacciata di morte», ha ammesso la marocchina rispondendo alle domande degli investigatori, aggiungendo però che le pressioni psicologiche erano come morire lentamente ogni giorno. E c’è anche un altro particolare inquietante: il marito ha sequestrato sia i documenti della donna che dei suoi figli. Marito e padre padrone: per capire chi è Abdelilah El Ghoufairi bisogna anche spiegare che l’uomo con un tranello indusse la 33enne a seguirlo in Marocco, dove ottenne il divorzio nel 2020, accollandosi il mantenimento della famiglia senza però mai aver corrisposto gli alimenti dovuti per legge. Ora l’avvocato De Falco ha presentato ricorso contro la richiesta di archiviazione. «Ovviamente – dichiara al Mattino – sono molto fiducioso che il gip ribalti la decisione del pm. Le donne straniere devono avere gli stessi diritti e le stesse tutele di cui godono quelle italiane, al di là delle convinzioni religiose dei loro mariti. Questa storia impone il riconoscimento di diritti e libertà sanciti dalla Costituzione italiana. E gli stranieri che vengono a vivere qui devono imparare a rispettare le leggi ed i princìpi».
Giuseppe Crimaldi, qui.

Il tema è stato ripreso anche da Nicola Porro, e nella discussione fra  i lettori è intercorso questo interessante scambio.

Paolo Zanardo
Le donne islamiche sono tra le più belle al mondo. La loro cultura esalta la femminilità, anche con un burka. La loro vita é dedicata alla famiglia e al piacere del marito sotto tutti i punti di vista. In cambio, il marito si impegna a non farle mai mancare nulla.

barbara
Vero: non le fa mancare le botte, non le fa mancare la clausura, non le fa mancare le umiliazioni, non le fa mancare gli stupri, non le fa mancare la cancellazione della propria identità, non le fa mancare l’imposizione della volontà maritale, non le fa mancare l’aggiunta di una seconda, terza, quarta moglie, ovviamente più giovani di lei che la relegano al ruolo di straccio per pavimenti… Niente le fa mancare.

Paolo Zanardo
Signora Barbara, le consiglio di evitare i luoghi comuni. Non facciamo confusione tra tradizione e religione. La clausura esiste solo nella nostra società religiosa. La donna islamica è libera di andare dove vuole purché accompagnata dal marito, un parente, oppure una persona di fiducia. Le umiliazioni esistono solo nella nostra società. Nell islam, la donna è considerata sacra perché portatrice di vita e in quanto tale rispettata è protetta. Tuttavia essa deve essere conforme alla vergine Maria, per questo deve prediligere vesti e veli in cui identificarsi. L’imposizione maritale non esiste. Esistono diritti e doveri da ambo le parti. Nel Corano si parla anche del divorzio nel caso vengano meno. La poligamia è praticata, ma la prima moglie decide chi, quando e se necessario. Ella ad ogni modo, essendo la prima moglie, avrà diritto sempre di ultima parola sulle altre che dovranno sempre rispettare ed accudirla in ogni sua necessità. L’infibulazione è vietata nel Corano. Tuttavia per alcuni, soprattutto nelle culture tribali africane viene praticata e nei racconti del profeta vengono descritti. Il problema è che alcuni, interpretano come legge anche i racconti del profeta. Tale pratica è di origine egizia.
La religione cattolica e le politiche occidentali non sono esenti cmq da violenze sulle donne, in nome del Altissimo ne abbiamo bruciate un bel po’. Come in ogni cultura e religione (tutte) il problema resta puramente interpretativo di alcuni nella applicazione delle leggi e delle sacre scritture. Le consiglio di evitare i giornali e TV, dove viene alterata la realtà e verità e di informarsi bene prima di emettere sentenze.

Cullà
Ha ragione. Sicuramente le lapidazioni di adultere, gli stupri coniugali sanciti per legge e le punizioni corporali sono fantasie.
Vorrei sentirla spiegare in che modo non poter uscire di casa senza un carceriere al seguito e senza il permesso di un’altra persona non sia clausura ma libertà di movimento. Prego, mi piace il rumore delle unghie sui vetri.

barbara
Io nel mondo islamico ho vissuto e lavorato per un anno. Lei? Non c’è bisogno che risponda: ha già più che a sufficienza risposto il suo commento. Oltre a dimostrare senza la minima ombra di dubbio che il corano non l’ha neanche mai aperto.

Paolo Zanardo
13 anni.

barbara
E in 13 anni è riuscito a non vedere niente?! Più o meno come quell’inviato della Croce Rossa che è riuscito a visitare Auschwitz senza vedere le camere a gas, senza vedere i forni crematori, senza vedere gli scheletri ambulanti, senza sentire la puzza di tonnellate di carne umana bruciata… Identico. Invece di sparare cifre a vanvera, avrebbe fatto molto migliore figura ad ammettere che non ha neanche mai visto un musulmano da vicino.

Paolo Zanardo
Un po’ di confusione signora. Faccia un po’ d’ordine.

Chiara M
“Un po’ di confusione signora”
Sessismo?
Quando non si sa più cosa dire?

barbara
Vede, caro, se lei non fosse così ricco di ignoranza saprebbe, per esempio, che nell’islam la donna non può chiedere il divorzio, e che quello dell’uomo non è esattamente quello che noi chiamiamo divorzio, bensì un puro e semplice ripudio: pronuncia per tre volte la formula “io ti ripudio, io ti ripudio, io ti ripudio” e la moglie, ormai ex, deve immediatamente lasciare la casa con nient’altro che quello che ha addosso. Saprebbe che la vergine Maria vestiva esattamente come vestivano tutte le donne duemila anni fa e che da allora sono passati, per l’appunto, duemila anni. Saprebbe che il Corano, lungi dal condannare le mutilazioni genitali, si limita a invitare a non andarci troppo pesante – e poche cose al mondo sono soggettive e interpretabili quanto il concetto di “troppo”. Saprebbe – evitando così di sbeffeggiare quelli che “confondono Corano e Sharia” – che la Sharia è rigorosamente basata su Corano e Hadith, e non a caso nell’islam è considerata giusta per il matrimonio delle “donne” l’età di nove anni, quella in cui il noto pedofilo ha stuprato la moglie Aisha, sposata quando lei aveva sei anni e lui cinquanta. E magari si chiederebbe a quale tribunale si dovrebbe rivolgere una moglie per denunciare il marito che viene meno ai propri doveri, dal momento che in tribunale la sua testimonianza vale la metà di quella di un uomo – tanto perché sia chiaro quanto è sacra la donna nell’islam. E saprebbe che nella guerra alla stregoneria sono stati bruciati streghe e stregoni, e che si è smesso un bel po’ di secoli fa: quanto tempo è passato dall’ultima lapidazione nel mondo islamico? E saprebbe che nell’islam non esiste alcun problema interpretativo, dato che il Corano è considerato “increato”, ossia l’equivalente di Allah, e pretendere di interpretare Allah è pura eresia, ossia crimine da punire con la pena capitale.
Molto carina, infine, l’idea che le caratteristiche fisiche delle persone dipendano dalla religione (“le donne islamiche sono tra le più belle al mondo”): e mi dica, se una cozza si converte all’islam diventa automaticamente una seconda Rita Hayworth?

PS: sarebbe interessante, dato che oltre che esperto di islam si dichiara anche buddista, vedere un confronto fra lei e un buddista vero in tema di buddismo.

Quest’ultimo commento però nel sito non lo potete leggere perché è finito, chissà perché, in moderazione, e da ore se ne sta lì, invisibile al pubblico. Fra i commentatori poi è comparso anche un italiano convertito all’islam, e una volta di più si constata che quando uno si converte la prima cosa che impara è, a quanto pare, il frignamento  sull’islamofobia.  E mentre il governo sembra stia meditando di rinchiuderci un’altra volta perché se uno va a fare il sub a trecento metri dalla riva rischia di scatenare un nuovo focolaio e mandare in tilt l’intero sistema sanitario italiano, questi qua continua a lasciarli sbarcare a centinaia e a migliaia.

barbara

  1. Resisto, resisto, non resisto: io ho modificato la serie di vignette in cui il maschio fa le esternazioni sessiste, omofobe e compagnia insultante, la femmina lo insulta, quello dice di essere islamico ma nella quarta, invece di esserci la ragazza che chiede scusa, c’è un quadrato bianco con scritto di traverso CRACK e sotto in piccolo Omaggio a Hugo Pratt.
    Lascio il piacere di scoprire per cosa Pratt usava l’onomatopea “crack”.

    "Mi piace"

  2. Io vedo un razzismo che avrebbe fatto fieri i nazisti dell’illinois. I diritti sono un costrutto occidentale quindi è giusto che ne godano solo le donne occidentali in occidente, mica roba per i non occidentali.
    Razzismo ovviamente nascosto da una cortina fumogena di “rispetto per il loro contesto socioculturale, relativismo e “mica possiamo imporre il modo di vivere occidentale a loro”.
    Noto anche il silenzio delle femministe radicali, di quelle che si sentono stuprate se qualcuno scrive ciao a tutti mettendo la lettera “i” invece che qualche bizzarro simbolo grafico.

    "Mi piace"

  3. Si parva licet, a me fa piuttosto impressione, nel mio piccolo mondo, quando vedo nel mio ambulatorio, e succede spesso, donne islamiche di una certa età, in Italia da dieci anni ed oltre, che non spiccicano una parola d’Italiano. Vuol dire che da dieci anni non solo non escono di casa (salvo forse per accompagnare il marito a far la spesa quando c’è da portare in casa il six-pack di acque minerali da 2 litri ciascuna, ma senza rivolgere la parola a nessuno) – ma neppure possono guardare la TV, o sentire la radio.

    "Mi piace"

    • Sì, ce ne sono tantissime. Ma non solo qui: a Mogadiscio, nel semestre in cui ho abitato al lido, avevo il padrone di casa arabo, lì da una vita, i figli, adulti, erano tutti nati lì, e sua moglie non parlava una parola non solo di italiano, ma neanche di somalo.

      "Mi piace"

  4. “La donna islamica è libera di andare dove vuole purché accompagnata dal marito, un parente, oppure una persona di fiducia”. (cit. Paolo Zanardo)

    Ma questo è serio ? Mi pare la frase che si attribuisce ad Henry Ford al lancio del Modello T: “potete averla in qualsiasi colore desideriate, purchè sia nero”.

    Che in quel caso poteva anche essere un’ idea, peraltro.

    Io ho finito da un po’ di stupirmi per le bestialità che il nostro sistema giudiziario è capace di concepire, sia dal punto di vista civile che da quello penale. Però mi sia concesso, di fronte a tanta e tale idiozia, non tanto di stupirmi quanto di incazzarmi a bestia. E se un magistrato può permettersi di essere così imbecille, è grazie alla moltitudine di Paoli Zanardi che popolano il nostro Paese.

    "Mi piace"

    • All’obiezione di Cullà in merito alla libertà di movimento ha risposto che quello che qualcuno da noi chiama carceriere, loro lo chiamano protezione. Ora, a parte il fatto che né io, né mia madre, né le mie nonne (quella paterna classe 1889) abbiamo mai avuto bisogno di protezione per andare in giro, una ha fatto notare che la signora in questione, evidentemente, questa protezione non la gradiva, al che lui ha risposto “E allora che chieda il divorzio” – evidentemente ignaro del fatto che nell’islam la richiesta di divorzio da parte della donna non esiste, e aggiunge “Ma le faccio presente che la signora in questione conosce tutte le regole, giuste o sbagliate che siano per noi, prima di sposarsi”, ignaro anche del fatto che difficilmente quella donna ha scelto lei di sposarsi, e di sposare quell’uomo, lui che si vanta di avere studiato le religioni del mondo, oltre che di avere vissuto 13 anni nel mondo islamico. Più sono contaballe e più sono incapaci di renderle credibili.
      E sicuramente i paolizanardi sono il brodo di coltura del batterio Bettini.

      "Mi piace"

      • Ho vissuto oltre un anno in Tunisia (paese islamico abbastanza all’ acqua di rose), con tutti i privilegi e le facilitazioni che può avere il figlio di un diplomatico. Pur facendomi abbastanza gli affari miei – consapevole di vivere in casa d’altri – niente di ciò che ho visto mi è piaciuto. Non sono evidentemente costruito per sopportare la civiltà islamica. Preferisco i cinesi, il che è tutto dire.

        "Mi piace"

        • Dipende da quando ci sei stato. Al tempo di Bourghiba prima che si rincoglionisse e si facesse catturare dai fondamentalisti, ha fatto cose meravigliose, magari nelle campagne non arrivata ma nelle città la situazione era fantastica: ha vietato la poligamia, ha dato il diritto al divorzio alle donne, ha addirittura fatto una legge – di per sé sicuramente in giusta – in base alla quale in caso di divorzio, non importa per quale causa o per colpa di chi, la casa restava sempre alla moglie, per far sì che i mariti, almeno per interesse se non par amore o per convinzione, si preoccupassero di trattare bene le proprie mogli. Poi sono arrivate le cosiddette primavere arabe, benedette da Obama, la Tunisia così come tutti gli altri Paesi coinvolti, è caduta in mano ai fondamentalisti e tutte le conquiste sono andate a puttane.

          "Mi piace"

        • Epoca Bourghiba appena prima del rincoglionimento, peraltro a Cartagine, si e no un paio di km da casa sua. Per quello dicevo all’acqua di rose. Poi non è stato più così, come pure in Libia, ma certe cose sono dure a morire. Rimane che no, l’Islam non mi garba, nemmeno un po’.

          "Mi piace"

  5. Il ragionamento del PM ricorda da vicino un vecchio luogo comune: “fino a quando i delinquenti si ammazzano tra loro, va tutto bene”. Ottimo argomento di conversazione tra un paio di beoni da osteria, assai meno adatto per chi dovrebbe rappresentare lo Stato. La deriva etica e giuridica presa dal PM, mi pare, renda attuale la vecchia richiesta del berlusca di sottoporre i magistrati a periodici controlli psichiatrici. Quanto al tredicenne islamista, mi ricorda il tipico vigilante da tastiera a contratto, messo lì a fare disinformazione. La tecnica è diffusissima, vi facevano ampio uso i 5s, quando esistevano. Certo leggere che una donna è libera perché può uscire solo se vigilata dal suo carceriere e che è sacra perché ogni tanto sgrava come un capo di bestiame, induce sfiducia estrema nel genere umano.
    P.S, Boldrini e Murgia non pervenute.

    "Mi piace"

    • E ricorda quella giudice canadese che, tanti anni fa, ha condannato a undici mesi il musulmano che sodomizzava la figliastra di nove anni, giustificando la mitezza della pena col fatto che agendo in quel modo ne aveva preservato la verginità, che in quella cultura è considerata importante. E qui mancano perfino le parole per commentare.

      "Mi piace"

  6. Off tipic. Avete notato come si è raffreddata la campagna pro Patrik Zaki, da quando è emerso che il ragazzo è eterosessuale e non è incarcerato per avere scritto elegie LBTQSTRZ, ma per avere ricordato le persecuzioni quotidiane subite, in Egitto, dai copti ad opera della maggioranza musulmana?

    "Mi piace"

      • E’ venuto fuori che ha una fidanzata femmina e che viene perseguitato dai musulmani per motivi religiosi
        L’equivoco sulla sua presunta omosessualità derivava dal fatto che a Bologna si era iscritto ad un master sulla diversità di genere. Per essere un erpetologo non è necessario essere un serpente.

        "Mi piace"

        • Probabile, coi tempi che corrono, che l’iscrizione a corsi del genere fornisca un fantastilione di punti extra, e senza neanche doverci lavorare granché, visto che non è che ci siano chissà quali dati scientifici da imparare, e se è così ha fatto benissimo ad approfittare della scemenza delle istituzioni.

          "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...