L’OLIO EBRAICO CHE ALIMENTA LE CANDELE

Venerdì 11 dicembre 1931.
Mancano poche ore al tramonto.
La signora Rachel Posner ha appena finito di apparecchiare la tavola per lo shabat e di preparare le candele per l’ottava ed ultima sera di chanukah.
Il candelabro è posto sul davanzale della finestra, ben visibile a chi guarda da fuori, così da realizzare al meglio il pirsuma nisa, far conoscere al mondo il miracolo della festa.
Sul palazzo di fronte sventola una bandiera che in pochi anni rappresenterà lo sterminio di sei milioni di ebrei.
Rachel decide di immortalare l’immagine in una fotografia, sulla quale, una volta sviluppata, scrive
“Chanuka 5692. Juda verrecke, die Fahne spricht. Juda lebt ewig, erwidert das Licht – Chanuka 5692. Giudea muore, dice la bandiera. Giudea vivrà per sempre, rispondono le candele”.
La natura è regolata da un principio immutabile: dal nulla non si potrà mai generare qualcosa.
Dal primo momento della creazione è entrato in vigore il principio di Lavoisier, nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma.
Per generare energia, è necessario partire da qualcosa di pre- esistente La capacità di dare vita a qualcosa dal vuoto assoluto appartiene solo ed esclusivamente a D-o.
Per dare origine alla fiamma ebraica, per fare in modo che continui ad illuminare il mondo, è necessario che la fiamma prenda vita da qualcosa che già esiste.
Quando i greci invasero la terra di Israele capirono che, per dominare davvero il popolo ebraico, sarebbe stato prima di tutto necessario eliminare tutto ciò che nutriva la loro vitalità. Ed iniziarono a vietare l’osservanza delle mizvoth. Sapevano che la fiamma degli ebrei sarebbe rimasta accesa finchè la Torà l’avrebbe alimentata.
I tedeschi continuarono il loro lavoro. E prima di accanirsi sul corpo degli ebrei, attaccarono la loro anima. Appiccarono il fuoco a libri e rotoli della Torà, sperando che quei roghi rappresentassero l’inizio della fine del popolo ebraico.
Quando le finestre di una casa si trovano troppo in alto rispetto alla strada, il candelabro va posto di fronte alla mezuzah, sulla cui pergamena si trova lo Shemà Israel.
Ne parlerai quando ti trovi in casa tua, quando cammini per la strada, quando ti corichi e quando ti alzi, sta scritto.
Fai permeare la Torà e le mizvoth in ogni cosa che fai, in ogni parte di te stesso, nella tua esistenza.
Giudea muore, vorrebbero poter dire i nostri nemici. E noi continuiamo a studiare la Torà, ad osservare le mizvoth, a fare rispondere anno dopo anno dalla fiamma delle nostre candele,
Giudea vivrà per sempre.
Gheula Canarutto Nemni, qui
Juda lebr ewig
E anche a 30° sottozero
eischanukkah
E addirittura

barbara

  1. Grande racconto!
    *.. la Chanukkià di ghiaccio mi incuriosisce molto: dove si trova? E come si potranno accendere le nove luci, a meno che non vi siano lampadine o simili?
    Ma Hag Sameach Chanukkà a chi cerca la Luce e a chi l’ha trovata: a te, ancora.

    "Mi piace"

  2. Lavoro collettivo o opera di un singolo artista (in tal caso, deve essere davvero uno spaccatore di capelli in quattro)?
    Per accenderlo non è impossibile, si posso usare quelle torcette a LED a pile che qui si trovano nei negozi di cinesate. Le si accende e le si posa sopra. Idea per l’anno prossimo, eventualmente.

    Piace a 1 persona

  3. Ci hanno provato…e alla grande , nell’ intento di annientare il popolo ebraico.
    Quelle enormi cifre…ogni 1..con la sua esistenza.. con tutto quello che comprende ..
    Ne hanno fatte subire di tutti i tipi ..dove l’ ingegno demoniaco dell’ uomo ha creato
    un’ infinità di modalità per colpirli, fino alla morte …arrivata dopo innumerevoli sofferenze…
    Gli furono tolto tutto…compreso tutto quello che poteva ricordare il loro credo..
    Ma ..non sono riusciti a distruggere la loro mente, spirito che sono rimasti vivi , intatti ,
    probabilmente riuscendo a sperare che loro, il popolo ebraico che riuscirà a restare in
    vita ritornerà a fare risorgere nuovamente il popolo ebraico.
    Una testimonianza che ci è arrivata…la musica! In maniera quasi miracolosa riuscirono
    a scrivere tante pagine di musica…
    Per me questa è una grande dimostrazione anche quando tutto era perso, così le loro
    vite…ma lo spirito con la sua luce interna era rimasto intatto e i loro carnefici non ci sono riusciti ad arrivare fino a lì…purtroppo delle menti sono state distrutte per mezzo delle loro sperimentazioni..che si aggiunsero all’ annientamento fisico.
    Come ben sappiamo…in molti mirano anche adesso alla loro distruzione…ma ancora
    non si arrendono e mantengono vivo il loro credo…e quella luce che contribuisce ad
    illuminare le loro vite, il cammino. E in un clima persecutorio..non molto favorevole adesso
    creano..in molti campi riuscendo ad essere all’ apice di graduatorie.
    Amano la vita in tutte le sue espressioni…in molti casi esteso anche ad altri, compreso
    chi vorrebbe la loro morte.

    Il candelabro…non è facile a trovare. Forse in certi negozi..gestiti da ebrei, che fanno
    altri tipi di lavori sempre legati alla cultura ebraica.
    Forse..nel ghetto..di Roma ?! Forse vi troveremo delle indicazioni di come trovarne..
    Qui…in una piazza vicino a casa vi era..” visto un paio di aa fà..” in questo periodo acceso
    vicino alla finestra..2°piano

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...