ULTIME DA GAZA

Ma chi l’ha detto che i palestinesi – e i gazani in particolare – non lavorano e vivono a spese nostre? Guardate qua come sgobbano come facchini!
lavoro
E questo è lo spettacolare risultato di sì indefesso lavoro.
fumo
Mentre questo è un giovane entusiasta partecipante alla pacifica manifestazione di protesta.
giovane manifestante
E ora due parole che mi sembra ci stiano decisamente bene.

«Per 19 secoli gli ebrei hanno vissuto nel mondo come una minoranza dispersa e perseguitata. Le umiliazioni, le espulsioni e le schiavitù sono state il retaggio della nostra gente nei paesi di Europa, del Medio Oriente e del Nord Africa. Durante questi lunghi secoli di sofferenza, la nostra gente si è aggrappata alla speranza del ritorno, lo ha invocato e l’ha sognato. E, in ogni secolo, alcuni sono tornati alla Terra, impedendo così l’estinzione della comunità ebraica locale. Durante il secolo scorso, l’aspirazione al ritorno si è concretata in un movimento di rinascita nazionale. Il sionismo ha proclamato infatti che la vita ebraica poteva essere nuovamente ricostruita dalle fondamenta sulla Terra ebraica: una terra che noi abbiamo trovato per la maggior parte desolata e sterile.
Gli ebrei sono ora operai, agricoltori, soldati. Da una minoranza informe ci siamo trasformati in una società con una lingua propria e proprie istituzioni democratiche. Nel 1948 per la prima volta dal secondo secolo d.e.v., il popolo ebraico è divenuto indipendente sulla Terra: fu infatti ricostruito lo Stato d’Israele che è entrato a far parte della grande Famiglia delle Nazioni. Durante i 25 anni della sua nuova indipendenza, il giovane Stato è proteso, con tutte le sue forze, alla realizzazione di questi quattro principali obiettivi:

  1. difendere l’indipendenza e assicurare la sopravvivenza della nazione;
  2. fare dello Stato d’Israele la casa di tutti gli ebrei del mondo, siano essi in cerca di rifugio o di una indipendente identità ebraica;
  3. sviluppare una comunità umana atta a rispondere alle esigenze di una moderna società democratica, pur preservando gli antichi valori dell’ebraismo;
  4. sviluppare le risorse materiali e dare al popolo un livello di vita elevato.

La difesa e la sopravvivenza hanno richiesto uno sforzo maggiore, poiché i governi degli Stati arabi si sono sempre rifiutati e continuano a rifiutarsi di riconoscere il nostro diritto di vivere come una nazione indipendente. Essi hanno persistentemente tentato di porre fine all’esistenza di uno Stato di Israele sovrano ed hanno cercato di privarci del diritto di vivere a nostro modo».
Golda Meir 1973, su Pagine Ebraiche, aprile 2018
golda
Difendere l’indipendenza e assicurare la sopravvivenza della nazione: lo hanno fatto, lo stanno facendo e continueranno a farlo, fatevene una ragione. E se qualcuno non ha capito bene e ci va a sbattere il naso, non venga a frignare se poi gli sanguina un po’.

barbara

    • E le bombe e gli esplosivi nascosti nelle culle dei neonati, e le mamme che raccontano fiere che hanno educato loro i figli a diventare martiri e che sperano che anche tutti gli altri figli seguiranno l’esempio e diventeranno martiri ammazzando più ebrei possibile, e l’intervista a una famiglia, che ho in cassetta, a cui è stato ucciso un figlio di dodici anni in uno scontro a fuoco e il giornalista dice ma i bambini non andrebbero tenuti a casa, e la madre dice non era un bambino, era un giovane uomo che combatteva per la sua terra, e la nonna solleva il bambino più piccolo, sì e no due anni, e grida: “E se questo fosse l’ultimo rimasto, noi manderemmo fuori anche questo!” (NOI manderemmo: altro che bambini che escono di propria spontanea iniziativa!)

      "Mi piace"

  1. I 4 obiettivi..sono stati ..e lo sono sostenuti e attuati e loro credo che siano chiari .
    E di parola!
    Allora quando viene passato il polso e vogliono arrivare al gomito…basta! Attenzione noi
    rispondiamo ! Non vogliamo che il vostro desiderio di morte arrivi sù di noi…
    Il punto cruciale dell’ esistenza di Israele è quello che ..da sempre è ed restato l’ obiettivo
    per il quale devono essere sempre pronti a rispondere in qualsiasi modalità l’ incolumità di
    Israele…per cui anche i suoi cittadini venga messa in pericolo.
    E’ quello che accade…all’ improvviso…non di rado captato in tempo e per questo vi è una
    grande preparazione ..tecniche all’ avanguardia ed in molti..molti di piu’ di Paesi..che vivono ..una normale realtà devono essere pronti ad intervenire.
    E se attaccano…è come se degli esperti intervengono per impedire che scoppi la bomba..
    e così i danni saranno minori.E loro..cercano in tutti modi possibili di non colpire nel rispondere agli attacchi, vili le popolazioni civili.Quell’ 1..è tuttora di vitale importanza..e comporta tanti costi…non di rado anche in vite umane.

    Adorabile..Golda con il grembiule…ancora con le scarpe con ” un sano..tacco 3cm.”.intenta
    a lavare le stoviglie! E la cucina..comune. Chissà…forse era appena tornata”dal suo lavoro..”.

    Che genitori ! Come si può portare un figlio..di tutte l’ età..nell’ articolo addirittura neonato!
    In un simile caos…sarebbe da togliere la patria ai suoi genitori. In qualcuno desterà un compassievole pensiero…già da così piccolo è testimone….

    "Mi piace"

  2. Non trovo una collocazione giusta per urlare…, lasciatemelo fare qua: GRANDE BIBI… e credo che si capisca perché!!! Chi è il gonzo, mogherini a parte, che aveva dato fiducia all’iran?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...