PICCOLO AGGIORNAMENTO PERSONALE

La vertebra si è saldata. L’ultimo controllo in realtà avrei dovuto farlo una decina di giorni più tardi, ma ho deciso di barare sulle date, contando sul fatto che l’ortopedica, con tutti i pazienti che ha, non si sarebbe ricordata le date stabilite e non se ne sarebbe accorta. Infatti non se n’è accorta. E d’altra parte ero sicura che la vertebra fosse a posto, e i fatti mi hanno dato ragione. L’ortopedica mi ha fatto il programma dello svezzamento, che dovrebbe completarsi in una settimana circa, io le ho proposto un’alternativa migliore (“lei fa il medico da vent’anni, ma io faccio la paziente da oltre sessanta”); lei l’ha accettata, il che mi fa molto piacere, ma l’avrei messa in atto comunque. D’altra parte ha dimostrato fin dall’inizio di basarsi molto più sul buon senso che su norme rigidamente codificate. E lunedì inizio la riabilitazione in un centro di fisiokinesiterapia a un quarto d’ora a piedi da qui.
smile
barbara

    • Il programma suo era di cominciare togliendo il busto un paio d’ore il primo giorno e poi aumentare progressivamente fino ad eliminarlo del tutto nel giro di una settimana. Il programma mio è di eliinare immediatamente e completamente il busto e sostituirlo con una cintura da motociclista, da portare inizialmente sempre quando esco, e in casa stare senza quando sono seduta al computer o in poltrona a leggere, con la schiena ben appoggiata allo schienale, e aumentare progressivamente il tempo senza quando sono in giro per casa. La mia fretta di eliminarlo è dovuta alle pesantissime conseguenze che il busto mi ha comportato, alcune delle quali purtroppo irreversibili: vescica e intestino costantemente irritati dalla barra inferiore, vie respiratorie compresse dalla barra superiore che mi ha anche provocato un’infinità di capillari e vene blu su tutto il petto, dalla base del collo all’attaccatura del seno e altre cose ancora.

    • Dai, che ogni tanto ci sono anche quelle. Poi sto anche continuando a trattare la sciatica col mio anestesista che oltre che bellissimo è anche di una dolcezza infinita: pensa che quando è costretto a farti male poi ti ci dà sopra i bacini per mandare via la bua…

        • Come ho già detto in altra occasione a Laura: giù le zampe donna, l’ho visto prima io.
          E’ stato formidabile la prima volta che sono andata. Ad un certo momento dico: sì, ma io sento ancora male. E poi dopo un attimo: ah, è perché ho l’ago dentro, ecco perché sento male. Ah, dice lui, lei è una che capisce le cose, questo mi piace. Allora gli spiego che ho imparato a capirle perché ne ho passate talmente tante che ormai ho esperienza su tutto. “Praticamente sono una collezionista compulsiva. Tipo lei con le moto, per dire”. E lui: ah sì, quella è proprio una passione, ce l’ho in comune con un altro mio fratello, tutti e due ca – ma lei come fa a saperlo?! Naturalmente la risposta è stata che “le melle sanno tutto”. L’ho proprio fulminato, con questa cosa delle sue moto.

  1. Grazie.Aspettavo tue notizie conteggiando i tempi…e quel buonsenso che credo ci accomuni e che certe esperienze lo hanno reso possibile.
    Adesso è un pò come ricominciare a vivere.Spero che i fisioterapisti siano in gamba in tutto.
    Da i miei..mi autosvezzai..iniziai che nevischiava ed eravamo arrivati a tre giorni dell’ inizio
    dell’ estate…
    Un’ abbraccio.

        • Il programma è questo https://ilblogdibarbara.wordpress.com/2016/06/10/viaggio-in-israele/. Non mi pare che si passi molto vicino a te. L’ortopedica mi ha raccomandato di portarmi dietro la cintura, nel caso ci fosse qualche percorso impegnativo o altro che mi richieda un sostegno. Comunque ho davanti ancora tre settimane di fisioterapia, e dato che sono previsti tre diversi tipi di trattamenti (laser, tecar e massaggi) spero che mi diano due appuntamenti la settimana inmodo da portarmi avanti bene. Comunque sì, grazie, se dovessi avere bisogno di un aiuto supplementare ti faccio senz’altro un fischio.

        • Direi che il punto piu’ vicino a Cesarea (circa mezz’ora di macchina senza traffico). Zippori e’ molto bella e interessante (ci sei mai stata?). E cosi’, anche se di genere ovviamente molto diverso. Dalyiat El Carmel.
          Comunque – io sono qui!

        • Proprio Cesarea, mi è stato detto, è in discussione: la guida dice ceh non ce la facciamo e probabilmente toccherà tagliarla . Comunque prima o poi riuscirò a organizzarmi un bel viaggio per conto mio, e allora ci sarà tempo e modo di fare tutte queste visite (zippori nel senso di uccello mio?)

        • Senti un po’, gattaccio malefico, in siddecarre teccevaitté, hai capito? Siddecarre a me, ma tu senti che roba.
          Comunque domani vado in garage, attacco la mia vecchietta al caricabatterie (mesi che è ferma, e la batteria ha quasi otto anni) e appena è pronta vado in autostrada e mi fiondo a 200 all’ora, che mi manca proprio. Che poi quando ho detto al mio bellissimo e dolcissimo anestesista che io vado a 200 all’ora ha detto: “Ma sei una criminale! Perché se vai a 200 bisogna proprio che ti dia del tu”. Le famose affinità elettive, you know, io in macchina, lui in moto.

        • Sono andata a controllare l’origine del nome ebraico Zippori (Sepphoris), Pare sia chiamata cosi’ nel Talmud perche’ “si trova in cima al monte come un uccello”. Quindi potrebbe essere “uccello mio” o anche un aggettivo derivante appunto da “Uccelllo”

  2. Modestamente, ho visto una cosa che l’ortopedica avrebbe fatto un doppio carpiato all’indietro saltando nel cerchio di fuoco (cosa che faccio ad ogni shampoo per asciugare i capelli)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...