IL “CECCHINO” ISRAELIANO E LA STORIA CHE I GIORNALI NON VI RACCONTANO

“Immaginate di essere quel soldato israeliano”

Storia di come un video del Dicembre scorso sia diventato strumento della propaganda contro Israele

Immaginate di essere un soldato israeliano a Kissufim. E’ un kibbutz al confine con la Striscia di Gaza. Sta lì dagli anni Cinquanta, costruito da pionieri provenienti dall’America Latina dentro ai confini riconosciuti di Israele, quelli del 1948. Dopo il ritiro dei cosiddetti “coloni” [da Gaza, ndb] nel 2005, Kissufim è la linea del fronte per Israele. Oltre, non c’è altro. Il kibbutz negli anni ha subito infiltrazioni dei feddayen palestinesi, lanci di missili di Hamas, tentativi di costruire tunnel che sbucano fra le sue case e, nell’ottobre del 2017, anche uno strike israeliano che ha ucciso 7 terroristi palestinesi sotto uno di quei cunicoli mortali. Immaginate di essere quel soldato israeliano due mesi dopo lo strike. Avete di fronte una sommossa palestinese di là dal reticolato che separa Israele da quella énclave governata da Hamas, una organizzazione dedita alla distruzione dello stato ebraico, sorta di Afghanistan di islamismo, terrorismo, sottomissione e torture affacciata sul Mar Mediterraneo. La sommossa va avanti da due ore, con lanci di pietre e tentativi di rompere il reticolato. L’ordine militare per tutti è di non avvicinarsi a meno di cento metri da quel fence. I soldati tentano di disperdere la sommossa con lacrimogeni, colpi in aria, megafoni e altri strumenti. Uno dei capi palestinesi di questa sommossa si avvicina al confine. Il soldato ha l’ordine di colpirlo in maniera non letale. Non esiste altro modo per fermare una invasione se l’assalitore è determinato a passare il fence. Il soldato interrompe l’ordine perché vicino all’obiettivo appare un bambino. Libero il campo, il soldato fa fuoco e ferisce il palestinese. Un video illegale viene girato da parte di soldati che non c’entrano nulla con l’azione e nel sottofondo si sentono dei commilitoni che esultano per il successo dell’operazione. “Woh, che video!”.
Una organizzazione non governativa israeliana finanziata da molti paesi europei al fine di delegittimare Israele, Breaking the Silence, diffonde il video. Siamo nei giorni dopo gli scontri letali a Gaza dopo la “Marcia del Ritorno”. Serve materiale importante e quel video di quattro mesi prima ne offre l’opportunità. E fa subito il giro del mondo. I media del pianeta lo lanciano con titoli sensazionalistici, trasformando il legittimo tentativo israeliano di fermare l’invasione di un confine e finito con il ferimento di un palestinese – invasione che mesi dopo avrebbe visto la partecipazione di 50.000 palestinesi sotto la guida di Hamas – in un sadistico e gratuito videogame degli “occupanti sionisti” che fanno il tiro al piccione. E’ un classico caso della delegittimazione antisraeliana: si eliminano il contesto, le conseguenze e le cause, resta soltanto la brutale performance, cesellata a dovere per trasformare i difensori in aggressori, gli assediati in carnefici. Si parla ebraico, tanto basta. Nessuno li vuole vedere i palestinesi in festa dopo gli attentati contro i civili israeliani o i sermoni in arabo nella moschea di al Aqsa contro i “figli di maiali e scimmie”.
E’ questa la storia dei recenti tentativi di abbattimento della linea di confine fra Israele e Gaza da parte di Hamas. Scompare tutto: i fucili, le granate, gli scudi umani, i bambini e le famiglie indottrinate, i soldi che Hamas ha dato ai feriti e alle famiglie delle vittime (3.000 dollari ai morti, 500 ai feriti), i proclami cannibalistici dei capi del terrore (“mangeremo i fegati degli israeliani”, “tireremo fuori i cuori dai loro corpi”), la doppia identità dei fotografi uccisi (era un membro delle forze di sicurezza di Hamas), la vera natura delle vittime (almeno 15 delle 19 vittime del primo weekend di sommosse erano membri delle organizzazioni jihadiste palestinesi) e la ragione di Israele, che così ha impedito lo scoppio di una guerra (quella del 2014 prese il via dopo il rapimento e uccisione di tre ragazzi israeliani). Tutto deve evaporare, farsi da parte, uscire dallo schermo e dagli articolo di giornale, per lasciare spazio soltanto allo scontro impari e iniquo fra una grande forza militare e un popolo armato di sassi e di allegria.
In questi trent’anni di guerre e attriti fra israeliani e palestinesi, nessuno ricorda le missioni militari israeliane abortite per la presenza di civili palestinesi, i checkpoint rimossi e sfruttati per compiere attentati, i camion di aiuti umanitari israeliani entrati a Gaza, gli ospedali israeliani sempre pieni di feriti e malati palestinesi, le ambulanze palestinesi usate per trasportare armi e assassini, le scuole dell’Onu da cui si lanciano i missili, i tunnel scavati sotto le moschee, i processi e le condanne impartite a soldati israeliani che hanno infranto le regole di ingaggio. La Grande Menzogna si è mangiata la verità del conflitto, ovvero che Israele, l’assediato a ogni confine, la democrazia costretta a regole di ingaggio garantiste e civili da nemici che non conoscono umanità e civiltà, è la vera parte debole del conflitto.
La conquista dei cuori e delle menti occidentali è il più grande bottino palestinese. E’ così che la “questione palestinese” è diventata strategica negli ultimi cinquant’anni e che ha dominato il palcoscenico dell’Onu. Senza i giornali, le ong, le cancellerie, i tg della sera, i social e le piazze, i palestinesi oggi sarebbero più irrilevanti dei tibetani o dei papuani, loro vittime sì di una autentica “occupazione”, ma ultimi nelle gerarchia della compassione internazionale.
Il terrore e la menzogna pagano. E, soprattutto, sono virali. Il disprezzo per Israele tira.
Giulio Meotti, 11 aprile 2018, qui.

Aggiungo una piccola considerazione mia: è davvero fuori dal mondo immaginare che l’esultanza possa essere dovuta all’ammirazione per l’eccezionale precisione di mira del tiratore scelto, capace di centrare una gamba di un bersaglio in movimento in modo da fermarlo senza ucciderlo?

Nel frattempo tutto è pronto per la messa in scena della terza settimana di “proteste”: il fuoco alle bandiere israeliane.
fuoco bandiere
Che per i loro standard mi sembra, a parte la simbologia, un po’ modesta, per cui – chissà, forse sono troppo pessimista io, almeno lo spero – io mi aspetto anche qualcos’altro.

barbara

  1. Essendo attempato…ricordo le diverse concessioni che Israele ha fatto nei dei palestinesi..
    e così molto spesso gli andati incontro. Tutto vano! Per cui ..mi venne da esclamare tanto
    tempo fa’…” ma sono dei veri rompicoglioni ! Da mandare a cacare! ”.
    E nulla è cambiato da quei decenni passati..non nel senso positivo.
    Per me..in me sono sufficienti due cose molto..ma molto importanti che ..Tutti devono, dovrebbero ricordare…e così..chi sono e…a cosa mirano i palestinesi..” Gaza..nel gergo
    parlato è venuta dopo…”..
    1° Israele..non lo riconoscono come entità di Stato.
    E..in questo non rispettano le leggi che l’ hanno portato ad esserlo.
    2° Israele, i suoi cittadini…
    I palestinesi..li chiamano occupanti…E questo loro pensiero lo trasmettono..con i
    ” le nostre terre sono occupate dagli ebrei..presidiati.”…
    3° Israele: Palestina/ Gaza…e così i loro cittadini..si prodigano mescolandosi con gli
    Hamas..e altri gruppi palestinesi che si prodigano ..in tante modalità di danneggiare
    rendendo difficile..una normale vita agli israeliani..
    Sempre per mezzo del terrorismo! Messo in atto con tante modalità..Con l’ obiettivo..
    Finale!
    La Distruzione di Israele..e così del suo popolo!
    E’ questo è scritto..sancito dalla loro costituzione..
    ” Non è…un sospetto..lo asseriscono, lo dicono..” …E..cosi tutti..devono..dovrebbero
    saperlo..essere a conoscenza di quello che sostengono.

    Gli obiettivi..Obiettivo..” scopo da raggiungere..” Lo impariamo a scuola, lo attuiamo nel
    campo lavorativo…Si può asserire che inconsapevolmente attuiamo diverse mosse per
    raggiungerlo…

    Palestina e Gaza

    Obiettivo da Raggiungere–L’ annientamento ..Distruzione di Israele con il suo popolo..
    principale.
    Poi..i vari sotto obiettivi per raggiungere questo scopo..
    Azioni.
    Ce ne sono a bizzeffe..sempre nelle prime pagine…TV..libri..etc..
    Attentati…in case…strade..locali di ritrovo..etc …” ma allora l’ apartheid..non è come dicono!”
    Pallywood…filmati..foto..video..” tutto tipo farsa…” Ma…viene postato..da sembrare così!
    ..Sarà così…anche per soldato..” attuale assalto..” l’ ultimo attentato..” ..Ma…sponsorizzato
    come..” evidente! ” ” non..” manifestazione pacifica…trasformata in ..” e..giù le cranache..
    dis—informazione..”
    Aggrassioni! Tante..tante tipologie! Dalle sassate..massi..di varie dimensioni verso auto..
    Da non dimenticare…” quelle nei confronti dei soldati..” spunzzecchiati..spintonati..anche a
    livello verbale..
    Stampa!…E reporter…
    I loro servizi..costruiti, prezzolati..e piu’ che hanno il potere di poter arrivare..forse saranno
    piu’ renumerativi..per loro..
    E..i piu’ eclatanti! I tunnel!…
    Le tournèe…in varie sedi rappresentativi …importanti dove oltre al Capo..Abù Mazzen..
    vengono invitati ..comuni cittadini..” lamentosi, richiedendo attenzioni..aiuti.
    L’ Antisemitismo..il loro…ma con certe modalità possono arrivare a stimolarlo …qui in Europa..E non guasta mai..può portare a fare arrivare aiuti…
    Boicottaggio…anche questo lo ottengono ..manifestando ciò che vogliono..in maniera loro.
    Imboscate..con rapimenti che si trasformano in assassinii..Questo..si estende fino ai paesi
    stranieri dove vi sono cittadini ebrei..
    E….l’ ultimo attacco terroristico…nuova variante!
    Perchè…come lo chiamate…
    Anche questo…per Arrivare all’ obiettivo principale…
    E ..tutto quello scritto sopra..i sotto obiettivo…” +..le azioni che lo compongono..cosa
    e come..con ..” O che altro vi arriva!
    Certi bambini darebbero risposte..piu’ pulite e critiche di tanti adulti!
    Tanti…hanno certi poteri..solo perchè con il passare del tempo…sono arrivati ad essere
    …considerati adulti.
    L’ ANTISEMITISMO..è e rappresenta un qualcosa di ignobile e quanto altro..continua ad
    albergare nella testa..di certi esseri.
    Osservando la realtà..certi adulti sono realmente..piccini, meschini…Per cui..ancora la
    civiltà..è lontana da arrivare.

    "Mi piace"

    • E nulla è cambiato da quei decenni passati
      Ti sbagli: dopo il ritiro dal Libano sono aumentati a dismisura infiltrazioni e lancio di missili, dopo il ritiro da Gaza e la deportazione degli 8000 ebrei che ci vivevano sono aumentati a dismisura infiltrazioni e lancio di missili. Cosa del resto perfettamente logica: nella loro cultura ogni concessione è interpretata come segno di debolezza, cioè che è il momento giusto per attaccare più a fondo.

      "Mi piace"

  2. Si…niente di nuovo che possa essere considerato positivo.
    …” ed è così…nella loro cultura ogni concessione è interpretata come segno di debolezza,
    cioè che è il momento giusto per attaccare piu’ a fondo ..”’
    Ma come farlo capire ai vari statisti…genti varie dell’ U.E..e confinanti.
    Israele..lo sente..lo percepisce…e poi lo vede attuarsi..
    Un pò come certi contadini..uomini di una volta…per certe manifestazioni della natura riescono a prevedere l’ andamento meteo..che può influire sul lavoro..attività.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...