IO COMUNQUE ADESSO DIMAGRISCO

Garantito. Perché siamo in piena campagna elettorale, e almeno una trentina di volte al giorno alla radio arriva lei
michaela-biancofiore-e-silvio-berlusconi
con il suo spot. E la sua voce è, se possibile, ancora più sgradevole della faccia. E il suo modo di parlare è, se possibile, ancora più sgradevole della voce.  E insomma, ogni volta che parte lo spot io mi ritrovo a fare degli atleticissimi balzi per fiondarmi sulla radio e spegnerla prima che sia arrivata alla terza parola. Il che al momento, in preda a un nuovo micidiale attacco di mal di schiena, non è la cosa più semplice del mondo, ma d’altra parte è in gioco lo stato della mia ulcera, e quindi devo fare di necessità virtù. E di conseguenza prevedo che a fine campagna elettorale almeno venti trenta grammi li avrò persi di sicuro.

barbara

MI STUPISCO DEL LORO STUPORE

Mi riferisco all’uscita di Berlusconi. E alla presa di posizione più o meno unanime contro le sue vergognose affermazioni. Ma, io mi chiedo, davvero qualcuno riesce ancora a sorprendersi  di quello che esce dalla bocca di quest’uomo? (Sì vabbè, uomo, insomma…) Stiamo parlando – limitandoci al tema in questione e tralasciando la sconfinata mole di ciò che ha detto e fatto in innumerevoli altri campi – dell’individuo che ha devotamente baciato le mani a uno dei peggiori nemici di Israele, che ha reso il proprio Paese completamente judenrein.

Stiamo parlando dell’individuo che si diletta a intrattenere il proprio pubblico raccontando immonde barzellette antisemite. Stiamo parlando dell’individuo che dopo essere stato in Israele ha fatto visita ad Abu Mazen rispondendo alle sue domande come solo un colossale coglione può fare. Stiamo parlando dell’individuo che all’Europarlamento si è esibito in quella squallida, ignobile sceneggiata del kapò.

E ci vogliamo meravigliare se adesso se ne esce a riabilitare Mussolini? Ma per piacere!

barbara