TARANEH, TRE ANNI FA

IRAN: LA STORIA DI TARANEH, “VIOLENTATA DAI BASIJI”
(AGI) – Roma, 15 lug. – Taraneh è una ragazza iraniana di 28 anni, arrestata dalle milizie basiji lo scorso 28 giugno. Da quel momento di lei non si ha più nessuna notizia. Taraneh potrebbe essere, secondo molti blogger, una nuova Neda, la ragazza uccisa dalle milizie basiji e diventata il simbolo della protesta. In un report inviato all’Agi, il giornalista iraniano Omid Habibinia racconta la terribile storia di Taraneh corredata da una sua fotografia, “perché il mondo deve sapere cosa sta accadendo in Iran”. La ragazza è stata “arrestata e probabilmente violentata dalle forze di sicurezza in borghese intorno alle 18 mentre stava partecipando il 28 giugno alla manifestazione di fronte alla moschea di Ghoba”, racconta il giornalista. “Mentre tutti gli altri detenuti furono portati dai basiji alla stazione di polizia di Nobonyad, gli agenti in borghese portarono Taraneh in un edificio nei pressi della moschea di Hosseini Ershad”. Taraneh, come mostra la foto inviata da Omid, è una bellissima ragazza, molto curata nel vestire, sempre truccata e attenta ai particolari. Così, in piazza, secondo alcuni testimoni, non è scesa in jeans e scarpe da ginnastica ma vestita di tutto punto, con tacchi molto alti. Un particolare che, racconta il giornalista, ha attirato le attenzioni dei poliziotti. E qui il racconto si fa atroce, inquietante, sconvolgente: “Quando la famiglia di Taraneh, che vive a Jeyhoun Street nella zona ovest di Teheran, andò a cercare la figlia alla stazione di polizia, gli ufficiali dissero loro che non avevano alcuna notizia… Due giorni dopo una persona telefonò a casa dei genitori dicendo che la figlia era stata ricoverata per qualche ora al Khomeini Hospital di Karaj per diverse lacerazioni nelle parti intime”.
A quel punto “i genitori disperati hanno cominciato a cercare la figlia e in ospedale hanno avuto la conferma che una ragazza corrispondente alla descrizione era stata trasportata da alcuni agenti basiji che erano tornati a prenderla dopo qualche ora”.
La preoccupazione che Taraneh sia morta cresce ogni giorno di più. Lei è una delle “centinaia di persone” scomparse in Iran. Un dato sconvolgente diffuso nei giorni scorsi dalla Federazione internazionale dei diritti umani. (qui)

Secondo le informazioni appena giuntemi dall’Iran è stato trovato il corpo carbonizzato di Taraneh Moussavi, scomparsa una settimana fa e data per dispersa. Secondo i testimoni oculari lei è stata arrestata dai passdara e trasferita nel carcere di Evin e successivamente sottoposta alle più feroci torture e violenze sessuali di gruppo.
Il corpo di Taraneh è stato trovato in una zona semi deserta, abbandonato e semicarbonizzato. La famiglia ha dichiarato che non intende fare funerali pubbliche. Probabilmente è stata minacciata come è successo con altre persone e altre famiglie.
Non è la prima volta che il regime dei mullah usa la violenza carnale contro le persone arrestate, di entrambi i sessi, per indurli a rilasciare delle interviste televisive contro i capi dell’opposizione. Il presidente della resistenza iraniana la signora Maryam Rajavi aveva lanciato un appello alle organizzazioni internazionali per mobilitarsi per salvare la vita di Taraneh. Le notizie che arrivavano dall’Iran erano assai preoccupanti.
Le nostre più sentite condoglianze alla famiglia di Taraneh e al presidente Maryam Rajavi.
Karimi Davood, presidente dell’associazione rifugiati politici iraniani residenti in Italia. (qui)

(Mi raccomando, non ditelo a Beppe Grillo: potrebbe rimanerci male. Anche se, più probabilmente, non ci crederebbe affatto.

barbara

    • Beh, i due articoli sono stati scritti direttamente in italiano dai dissidenti iraniani che vivono qui, ma se sono dissidenti dal regime più bello del mondo effettivamente non possono che essere al soldo dell’infame lobby ebraica.

      "Mi piace"

      • Un ex musulmano una volta ha scritto ad Ali Sina che per proteggere la sua famiglia, avrebbe istruito i figli nell’islam, pur insegnando loro che quei concetti erano sbagliati.
        Ali Sina gli ha invece consigliato di evitare e di mettere direttamente i figli in guardia dall’islam, dicendogli che altrimenti, i suoi nipoti ed i suoi pronipoti sarebbero stati musulmani fanatici a tutti gli effetti.
        In effetti lo stesso successe dopo la ‘reconquista’ in Spagna ed in sud italia. Molti musulmani si finsero cristiani, ma i loro discendenti cristiani lo sono per davvero.
        Ora, pensando all’Iran, il pericolo è che tra qualche generazione, gli iraniani saranno tutti sinceramente musulmani e sinceramente adoratori di Khomehini.

        In fin dei conti, forse mi sbaglio, ma non erano poi tanti i secoli fa in cui l’Egitto era un paese a maggioranza cristiana, dove però comandavano i muslims, che con la spada, la shariah e la giza (dicasi PIZZO) han convertito quasi tutti. Ed oggi dall’Egitto arrivano anche i terroristi.

        "Mi piace"

        • Tutto il nordafrica e tutto il medioriente erano cristiani ed ebraici, più qualche altra minoranza religiosa, e sono stati arabizzati e islamizzati a suon di massacri e deportazioni e stupri etnici e conversioni forzate.

          "Mi piace"

  1. Ho fiducia nei dissidenti Iraniani,una volta uno lavorava in un ristorante ,una volta non lo vidi più e il proprietario disse che gli dispiaceva dal punto do di vista umano ma da quello sostanziale no perchè la DIGOS andava sempre a controllarlo e gli rompevano l’anima.Forse questo Beppe Grillo e il suocero non lo sanno e se lo sanno godono……….

    "Mi piace"

  2. Il suocero di Grillo è filogovernativo, quindi se lo sa gli va benissimo. Quanto ai dissidenti, i risultati delle loro proteste li stiamo vedendo da più di trent’anni. Tu conosci una sola protesta popolare che abbia abbattuto una tirannia? Io no. La vittoria da che mondo è mondo è sempre stata di chi controlla l’esercito e la polizia, ossia di chi ha le armi. I dissidenti iraniani non le hanno.

    "Mi piace"

  3. Pingback: DEDICATO A TUTTI GLI AYATOLLACCI | ilblogdibarbara

  4. Pingback: PRIGIONE IN IRAN | ilblogdibarbara

  5. Leggevo un post riguardo il fatto che si deve pregare con l’ano pulito per ottenere punti o farsi una doccia dove aver violentato una persona. Badate che non si tratta di Islamismo ma il barbaro sta divenendo cattolico e non per vocazione ma per rubare. La polizia che ha automobili di estrema lussuria è un’indicatore di cattolicesimo. Mancanza di amore per la propria professione con scarsissima manodopera sono i segni di un cattivo e degenerato cattolico islamico dunque anche violento. Bisogna verificare come effettuano la sodomia dei bambini senza farsi scoprire dall’opinione pubblica. Bisogna vedere perchè nascondono i massacri di bambini all’opinione pubblica.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...